versi arrangiati

 

s o l i t u d i n e

 

Giunco
sfiancato da refoli di sguardi indifferenti
urla il suo dolore a orecchi pigri
annaspa verso mani che si ritraggono.
*
s'infilza
sui picchi di sentimenti lacerati
di amore sprecato
di ingiustizie subite.
*
ispessisce
la pelle a corazza di solitudine
chiudendo ogni fessura al mondo
*

mummia
sola con se stessa
dentro le sue fasce
tutto
il suo mondo

 

 

 

 


 

 

marica riccardelli