scritti in dialetto

 

s'è acquietata

 

 

S’è acquietata la sveglia la matina
Che me scetava quann’era ancora scurdu
E me metteva ‘nnanzi la fatica
Che no’ era 'na rosa senza spina

Mo’ so padrone della vita mia
Rapro gliu tiraturu do’ pe’ anni
appresso aprresso ‘nficcavo  le speranze
Che m’hanno accumpagnato pe’ la via

verde  ce le mettitti de colore
come gli sonne della gioventù
Mo’ so’ d’argento come lo so io
Ma pronte ancora a dareme calore

me tocca sulu de guardarce dénto
scoprirece le gioie che ‘na vota
Non potevo sentì pecché la vita
A ate cose me teneva atténto

 

 

 

 


 

 

marica riccardelli