storielle in rima

 

lavorare... stanca

 

Quando soffiai ben trenta candeline
Nel ritrovarmi ancor disoccupato
Non vi nascondo ch’ero preoccupato
Che il conto in banca mi diceva “fine”

Chiedendomi in futur che avrei mangiato
Fors’era giunta l’ora che pensassi
E senza perder tempo m’apprestassi
A diventare serio e impegnato

Senza aspettar dal cielo alcuna manna
Mettendo un po’ da parte le pretese
Avrei cercato qui nel bel Paese
Un posto di lavoro: che condanna!

Mi misi in cerca e vidi a più riprese
Lavoro c’era, bastava che sudassi
E faticando io m’accontentassi
Di avere quattro soldi a fine mese

Un posto da statale era il mio sogno:
Ti siedi e aspetti il tempo che va via
E con tutta l’allegra compagnia
Tra un caffè e l’altro passa il tuo bisogno

Sembra che in mezzo a quella confusione
Puoi star seduto senza fare un c…o
A me toccava invece alzare il m….o
dovendo garantir la produzione

Destin crudele, fato assai atroce
Non torno a casa prima delle otto
E l’ho abbracciata stretta questa croce
Se no va tutto a carte quarantotto

 

marica riccardelli