scritti in dialetto

 

emigranti

 

 

Nanonnu se 'mbarchette criaturu
co' na mappata 'ncoglio e na giacchetta
'ncoppa a na nave ch'era na carretta
e salutava co gliu maccaturu.

Voleva chiagne ma no lo facette
Pecchè la mamma ancora gliu guardava
Era 'na mamma troppo, troppo brava…
Co stu pensiero 'ncapo, s'addormette.

Dopo nu mese de fame e pecundria
Sbarchette 'nterra e sulu se trovette
Nu carteglio a gliu coglio s'appennette
Pe farese acconosce da 'na zia.

Quanno arrivette era scurd'ormai
Ma dento era chiù scurdo che da fore
Gliu petto se stregneva de dolore
La casa e mamma gli mancava assai.

Quanta fatica, quante umiliazioni
Dento a 'na terra ricca e forastiera
Senza la patria senza la bandiera
Co' pori cristi de tutte le nazioni

De tempo n'è passato ma gli fatti
Che pe' nanonnu mio se so' aggiustati
Pe' tanti songo ancora scumbinati
Stanno com'a gli suci co' gli iatti

Succere spisso che co'l'abbondanza
Te scurdi de quann'iri povereglio
E che pe' anni si stato ciucciareglio
E agli dinari steva la speranza

Si viri attorno 'na faccia forastiera
Na faccia senza patria né bandiera
Penza che povereglje songo ancora
E fanno come tu facisti allora

 

 

 

 

 

12 marzo 2003

marica riccardelli