scritti in dialetto

 

chesta è la vita

 

 

ncòpp'a 'na seggia, arreto a na fenesta,
stanco nu vecchiareglio sta assettato
la barba longa, gl' occhie accicagniti
la capo è bona, gliu core è tormentato.

Guarda là fòre, luntano, assai luntano
gl' occhie 'nzerrati pe' vedè chiù meglio,
Concetta va cerchenno, la mugliere
vulata 'ncelo cacche témpo fa

E la vére, contenta, bella e fresca,
mentre gliu guarda co gl'occhie 'nnammurati
come a quanno assettati, attorno alla vracera
sulu co' gl' occhie facevano l'amore.

A cchigli témpe pe' gli 'nnammurati
nun esisteva nisciuna libertà
sulu suspiri 'mmezo a tanta ggente
però s'ausava ancora fedeltà.

Quanti ricordi dento a chigliu core,
co' gl'occhie chiusi gli so venuti a mmente
ma all'intrasatto gli arriva na vocella
dicenno: "Nonno, che fai? Dormi sulla sedia?"

Se sceta 'nfanfallito , rapre gl'occhie
se sente n'ata vota vécchio e stanco
guarda la vaglioncella, se l'abbraccia,
suspira e izanno gl'occhie penza

"Cuncetta mia, quanto po' durà?
c'hanno spartuti dopo tantu témpo
me ne vulasse 'n'celo co 'nu lampo

ma

chèst' è la vita, m'attocca d'aspettà.

 

 

 

3 aprile 2003

marica riccardelli